Le ultime news

Notizie ed informazioni dal mondo Trend Viaggi

Dove si puo' viaggiare nel Mondo per turismo

In attesa della nuova ordinanza che dovrebbe uscire il 15 dicembre ecco l'elenco dei paesi dove e' possibile viaggiare per turismo.

Elenco C
Spostamenti liberi no quarantena / ingressi con greenpass o tamponi, no tampone al rientro
Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Tenerife, Gran Canaria, Fuerteventura, Lanzarote, Madeira, Porto Santo,
Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda (solo vaccinati), Norvegia (nessuna richiesta), Svizzera

Elenco D
Spostamenti liberi no quarantena / ingressi con greenpass e/o tamponi e rientri in Italia con tampone
Arabia Saudita (obbligo vaccino), Canada, Cile, Dubai, Abu Dhabi, Qatar, Fujairah, Giordania, Israele (obbligo vaccino), Kuwait, Ruanda, Gran Bretagna, Singapore (obbligo vaccino), Stati Uniti d'America (obbligo vaccino)

Corridoi turistici
Spostamenti liberi no quarantena / viaggi organizzati e gestiti da operatori turistici / ingressi solo con greenpass e tamponi, rientri in Italia con tampone
Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Santo Domingo, Sharm El Sheikh, Marsa Alam

Situazione aggiornata al 10 novembre

In queste ore, dopo il raggiunto accordo tra Gran Bretagna e Ue dei giorni scorsi, è arrivato anche il via libera unanime degli ambasciatori Ue (Coreper) all’accordo post Brexit sulle relazioni future con il Regno Unito.
Con il nuovo anno la libertà di movimento come intesa sino ad oggi cessa di esistere: dal 1° ottobre 2021 sarà necessario il passaporto (senza visto) per viaggiare nel Regno Unito e restarci fino a tre mesi. Per un periodo più lungo, nel caso in cui si intenda soggiornare per ragioni di lavoro o di studio, occorreranno invece visti analoghi a quelli richiesti attualmente agli stranieri non comunitari.
La Gran Bretagna esce anche dal programma Erasmus , considerato dal premier Boris Johnson “troppo oneroso”, il quale ha annunciato di volerlo sostituire con un nuovo schema di scambi globali, allargato agli atenei americani o asiatici.

(fonti: TTG Italia, Travelquotidiano)