La Ue studia il passaporto vaccinale


Passaporti vaccinali entro 3 mesi per i cittadini Ue: è questo il progetto condiviso da tutto il Consiglio d’Europa e rilanciato dal cancelliere tedesco Angela Merkel nella conferenza stampa post riunione. Un annuncio che risponde alle richieste dell’industria del travel – contenute nel Tourism Manifesto – dando una prospettiva al settore per l’estate, ma che lascia comunque spazio alla libertà di movimento anche per chi non può accedere ai vaccini.

«Tutti hanno concordato sul fatto che serva un documento digitale che certifichi il vaccino – ha detto la Merkel durante l’incontro con la stampa – un documento compatibile in tutti i Paesi e che sia pronto per l’estate», ma questo non vorrà dire discriminare chi ne sarà sprovvisto, soprattutto riguardo ai viaggi. Proprio su questo tema, infatti, Merkel ha segnalato che «una decisione politica a riguardo non è stata presa». Il passaporto vaccinale europeo, quindi, dovrebbe essere utile per far ripartire i viaggi durante l’estate in tutto il continente e, possibilmente, anche in alcuni Paesi extra-Ue. Inoltre, il passaporto potrebbe anche contenere le informazioni relative ai risultati dei test Pcr anti Covid effettuati prima della partenza o a destinazione.

A questo punto, i 27 Paesi dell’Ue dovranno accelerare in queste settimane il processo per definire un protocollo comune e un sistema digitale che sia valido in tutta Europa per permettere ai cittadini di viaggiare dotati del passaporto vaccinale.

 
(fonti: TTG Italia, Travelquotidiano)